Felidi: sociali o solitari?

Felidi: sociali o solitari?

In generale, tutte le 38 specie di Felidi sono considerate solitarie: maschi e femmine non si organizzano in branchi o famiglie, ma vivono in solitudine per gran parte dell?anno, dedicandosi alla caccia e alla difesa del territorio, salvo incontrarsi durante la stagione degli amori.

Dopo l?accoppiamento, gli amanti si separano e la mamma sola si occupa dei piccoli finché, autonomi, sanno badare a loro stessi. Il leone (Panthera leo) è l?unico felide che invece si organizza in branchi stabili, formati da uno o più maschi e un numero variabile di femmine imparentate tra loro.

Il gatto domestico (Felis catus), poi, rappresenta un caso a sé: unico felide a condividere un percorso di coevoluzione con l?uomo, è un animale ubiquitario, in grado di vivere sia allo stato selvatico, lontano dall?uomo e senza dipendervi, sia allo stato domestico, occupando le nostre case, i nostri giardini e traendo vantaggio da una coesistenza dal sapore di mutua compagnia.

Il gatto domestico, pur se appare più socievole con l?uomo e i suoi simili, ha in comune con i cugini selvatici la quasi totalità dei suoi geni e dei suoi comportamenti, tanto che alcuni biologi sono scettici nel ritenerlo un felino realmente addomesticato.

Cristiano Mancini

Related Posts
Leave a reply